Benvenuto in Obiettivo Clik! Se sei un appassionato di fotografia leggi il Regolamento e unisciti al blog: sei il dodicesimo
Da lunedì 1 Maggio 2017 gli autori iscritti al blog avranno la possibilità di ricevere via e-mail, la notifica sui commenti ai post. Chi desiderasse ricevere tali notifiche può inviare un messaggio di conferma tramite il MODULO DI CONTATTO indicando la mail sulla quale desidera ricevere tali notifiche. E' possibile anche far richiesta di notifiche solo sui post creati e non sui commenti. Sperando di far cosa gradita auguro un buon 1 Maggio a tutti gli autori.

lunedì 24 aprile 2017

Quando una foto deve essere commentata?


Erbivori a parte molti si chiedono se sia giusto o meno che una foto sia accompagnata da commenti. In realtà questo non è un dubbio da poco. Quando facciamo una foto, nello scatto che scegliamo c'è sempre un messaggio, anche il più banale. Ad esempio in un semplice ritratto davanti a un monumento famoso: in quel momento vogliamo dire a tutti che siamo stati lì e a distanza di anni vogliamo ricordarlo nel nostro book fotografico, per mostrarlo ai nostri figli, ai nostri nipoti, oppure ai nostri amici. In quella foto forse verrebbe spontaneo dire si, che sia giusto un commento tipo quello di aggiungere il nome del luogo e la data perché possono essere utili per ricordare meglio quello scatto. Da qui la funzionalità del commento. 
Ma che dire di una foto dove non dobbiamo ricordare ma semplicemente esprimere un concetto? 
Forse la foto non esprime bene il concetto ed un bel commento aiuterebbe. Si potrebbe anche dire che una foto che non esprime il concetto che vogliamo dargli forse non è un buona buona foto o un buon scatto...o forse manca di altri scatti. Può essere tecnicamente fatta bene e quindi assumere semplicemente la funzione di una cartolina. Ma allora se una foto necessita di un commento, vuol dire che il commento è una connotazione negativa di una foto? Esaminiamo la foto del povero erbivoro al pascolo, una statua di tutto rispetto ma presa da un angolazione particolare nasconde alcuni dettagli che non sono chiari. In modo scherzoso ho aggiunto il commento "È una coda!" perché molti non conoscendo la statua potrebbero pensare a un dettaglio diverso e forse anche malizioso.
Il commento aggiunto alla foto è servito a creare un "meme" tipo quelli che si trovano nei social network. Il commento quindi ha una funzionalità aggiuntiva che racchiude nello scatto un messaggio diretto, fine a se stesso e concluso. Ma non sono questi i commenti a cui mi riferisco, sono quelli che di solito mettiamo sotto le foto. Il meme è solo per una breve riflessione sull'argomento. Ho sempre ritenuto che un buono scatto in realtà non dovrebbe essere spiegato ma racchiudere in se più di un significato, catturando l'attenzione di molte più persone che ne darebbero una propria interpretazione. Ora però se facciamo foto con più significati, come facciamo a farci capire? Dobbiamo scrivere tutti i significati che la foto può esprimere? Assolutamente no! In questo caso sta alla sensibilità dell'artista lasciare le cose così come sono, oppure attribuire un solo concetto attraverso il titolo. Il titolo è come un commento o una forte pista che porta dritto al punto! Stiamo attenti quando scegliamo un titolo, se non riusciamo a pensarlo, o attribuirne il giusto senso meglio scrivere "senza titolo" piuttosto che inventarne uno senza senso.
Il titolo in questo caso potrebbe escludere ogni commento.
Ma allora quando commentare la propria foto? Io direi quando viene richiesto espressamente per scrivere un articolo all'immagine e quindi forse non sarà l'autore a farlo ma il giornalista o lo scrittore. Ma allora l'artista fotografo non commenta mai le proprie foto?
Certo che no, può farlo a patto che il commento sia qualcosa che costruisce e arricchisce l'immagine e ne aggiunge altri significati. Significati che non sono presenti nell'immagine. Ad esempio possiamo aggiungere i dati di scatto, anche se oggi sappiamo benissimo come poter risalire a questi dati. Si possono aggiungere dati storici, e di luogo per contestualizzare l'immagine che altrimenti potrebbe fuorviare il proprio messaggio. A chi di voi è capitato di vedere girare in internet la foto di una bambina sporca di polvere con una vecchia bambola...questa foto veniva contestualizzata in un ambiente di guerra, molti la ritenevano il simbolo di una guerra ingiusta, altri una bufala in quanto ritenevano fosse una bambina che giocava nella sabbia in un villaggio turistico. Inutile i commenti fuorvianti di ogni genere sotto quella foto, ormai è passata oltre confine con significati che forse l'autore non aveva neppure previsto. In questo caso la descrizione avrebbe aiutato chi per errore ha attribuito uno o l'altro significato. A prescindere dalle varie strade che ha preso quella foto, ha fatto parlare di se in tutti i sensi. Ed è se vuoi un aspetto interessante dell'immagine e del suo significato. Una fama quasi mondiale per poi finire nel girone del dubbio e perdere ogni significato. Voi che ne pensate? Alla fine è giusto mettere un commento alle proprie foto? Oppure meglio lasciare che altri ne attribuiscano significati diversi?
Certo se vogliamo che la foto faccia il giro del mondo direi che questo potrebbe essere un metodo. Ma si sa che le bugie hanno le gambe corte e rischiare un fraintendimento non ha sempre un epilogo positivo. In ogni caso io credo che la risposta sta sempre nel proprio scatto se è quello giusto al momento giusto saprete sempre cosa fare. 

Nessun commento:

Posta un commento